LA SICILIA E IL MESSICO STANNO AL PASSO

La Sicilia e il Messico sono in continenti diversi, apparentemente su diversi lati delle barricate! Tuttavia, cosa li unisce?
Le persone nella vita di tutti i giorni non pensano quasi mai dell’origine di alcune cose a cui si sono abituati sin dalla nascita. Tuttavia, dall’altra parte del mondo può fare lo stesso dai tempi antichi o viceversa. Da dove vengono le tradizioni? Chi li fa o li porta? In questo articolo vedremo i singoli aspetti e le caratteristiche che collega la Sicilia e il Messico.

 

Come sappiamo, che le tradizioni, la cultura, le abilità, le conoscenze e l’artigianato vengono generalmente tramandate di generazione in generazione. Quando una persona nasce in un determinato ambiente, vede alcune cose dalla nascita o comprende in quest’area e la prende per la verità. Poche persone pensano all’origine di qualsiasi cosa, e perché questo sta accadendo, o perché lo fanno in questo modo? Una persona assorbe molte cose, essendo nella sua famiglia, nella società, nella scuola, nella chiesa. Ciò c’è l’influenza il comportamento, la logica, il processo decisionale, cioè il destino in generale.

Ad esempio, guardiamo una delle città siciliana – Modica.
Modica ha origini neolitiche e rappresenta la capitale storica dell’area che oggi corrisponde quasi alla Provincia di Ragusa. Fino al diciannovesimo secolo era la capitale di una contea che esercitava un’influenza politica, economica e culturale così ampia da essere annoverata tra le più potenti faide del Mezzogiorno (Sud Italia).

Panorama di Modica

 

La cittadina ragusana di Modica, famoso tempio del barocco, è da sempre rinomata per la sua tradizione dolciaria. Il suo territorio, che un tempo era una contea, costituiva uno dei più potenti stati feudali del Sud Italia, una terra fertile, le cui vicende storiche si riflettono nell’universo gastronomico locale, dove gli Li elementi autoctoni si mescolano a suggestioni venute da fuori.

Così la descrive Gesualdo Bufalino in Argo il cieco, ovvero I sogni della memoria: «Un paese in figura di melagrana spaccata; vicino al mare ma campagnolo; metà ristretto su uno sprone di roccia, metà sparpagliato ai suoi piedi; con tante scale fra le due metà, a far da pacieri, e nuvole in cielo da un campanile all’altro, trafelate come staffette dei Cavalleggeri…».

Modica è città di dolcieri, o meglio come si chiamano qui cosaruciari: famiglie sono tramandate i propri segreti di generazione in generazione, arrivando a competere con i ben più rinomati colleghi dei grandi centri dell’isola, quali Palermo e Catania.

Tra le tante specialità, quella sicuramente più conosciuta è cioccolata modicana, che viene preparata seguendo un’antica ricetta che gli spagnoli avrebbero mutuato dagli aztechi e poi esportato in Sicilia, durante la loro dominazione. Tuttora la tipica cioccolata granulosa che si mangia a Modica si trova anche in Spagna e presso alcune comunità messicane e guatemalteche.

La Mostra aztecha nel Museo del cioccolato

 

Gli spagnoli la chiamano el chocolate a la piedra perché la lavorazione tradizionale azteca da cui deriva questa nostrana leccornia presuppone l’uso del metate, uno spianatoio, in pietra appunto, e di uno speciale mattarello, anch’esso di pietra.

Il tempo del cioccolato azteco.
È il mese dei patrimoni ispanici, un cibo i Maya e gli Aztechi chiamavano il cibo del Dio.

 

I metodi di produzione della tradizione modicana non si discostavano molto da quelli aztechi: i semi di cacao venivano prima di tutto tostati, poi sgrossati e vagliati. Il composto cosi ottenuto (che deve tassativamente restare a una temperatura non superiore a 45/50 gradi, per permettere al burro di cacao di sciogliersi piano piano) andava poi disteso con degli strumenti che possiamo considerare la moderna evoluzione di quelli originari: lo spianatoio, oltre che metate, è detto anche valata o pietra raciucculatti e i mattarelli si chiamano pistuna. Il prodotto che si ottiene a Modica si chiama «pasta amara» e rappresentava l’ingrediente di base, quello cioè che poi andava mescolato a zucchero semolato e aromi vari (in particolare vaniglia e cannella) e infine raffinato. Il procedimento moderno è mutato per adeguarsi agli standard igienico-sanitari previsti dalle normative, ma le caratteristiche di base sono rimaste le stesse. Cosi come gli ingredienti: massa di cacao, zucchero e aromi naturali.
Oggi come allora, insomma, la lavorazione viene fatta esclusivamente a freddo, senza l’aggiunta di grassi vegetali, olio di palma, o derivati del latte: è proprio questo il motivo per cui secondo alcuni esperti, la cioccolata modicana conserva un gusto particolare che le altre, per quanto pregiate, non hanno.

Cosi lo descrive Leonardo Sciascia: “Un cioccolato fondente di due tipi — alla vaniglia, alla cannella — da mangiare in tocchi o da sciogliere in tazza: di inarrivabile sapore, sicché a chi lo gusta sembra di essere arrivato all’archetipo”.

Mestiere di cioccolato/ Modica Cioccobarocco

 

Anche se un tempo la cioccolata veniva consumata esclusivamente in tazza, a Modica la si usava pure come companatico. A tutela della ricetta tradizionale di questa specialità è nato nel 2003 un consorzio di venti produttori, il cui scopo è stilare un disciplinare e far ottenere al loro prodotto l’etichetta IGP. Ma il lascito degli spagnoli nella tradizione dolciaria modicana non si esaurisce con la cioccolata: un altro dei prodotti più celebri e antichi della pasticceria locale sono le’mpanatigghie, dei biscotti ripieni di frutta secca, cioccolato, cannella e… carne di manzo. A metterli in relazione con la Spagna sono diversi elementi: intanto il nome, che richiama le famose empanadas, di cui questi biscotti hanno anche la forma a mezzaluna, e poi l’accostamento tra la carne e il cioccolato, che ricorre più volte nel panorama gastronomico spagnolo, di origine araba è invece un’altra specialità modicana (ma diffusa anche in molte altre zone dell’isola) tipica del periodo natalizio, la cubaita, anche detta ghiugghiulena, una specie di torrone fatto di sesamo — uno degli ingredienti più caratteristici della cucina siciliana -, miele, limone e scorza d’arancia, simile al croccante pugliese.

Infine, tra le più curiose preparazioni tipiche della città di Modica non possiamo non ricordare quelle menzionate nel titolo ovvero l’aranciata e cedrata. Attenzione, però, non si tratta delle solite e banali bevande ma di particolari dolci al cucchiaio, fatti con le scorze di arancia e cedri, cotte insieme al vino (nella versione povera) o al miele (nella versione più ricca). Una leccornia tipica del Natale, il periodo in cui gli agrumi sono di stagione, che risale al Cinquecento: a tesserne le lodi è addirittura un poeta, Antonio Veneziano, che in un suo poemetto, l’Arangeide, scrive:

«Di cui chilla cubaita speciali /
‘indi fannu chi la chiamanu arangiata /
ch’è duci, e benchi è duci nun fa mali».

Nella storia della Sicilia, Spagna, Messico, ci sono fatti della somiglianza di alcune caratteristiche, eventi, tradizioni, non solo della cucina tradizionale, ma anche delle tradizioni di scherma. Nel 2019, Ph.D Oleg Maltsev condusse una spedizione scientifica in Messico per studiare la tradizione criminale messicana, la cultura Maya, dove anche ha inventato e provato una nuova metodologia di ricerca nel campo psicologico. Tutti i risultati della spedizione sono descritti negli articoli, pubblicati su questo sito. Tuttavia, durante lo studio ha trovato prove della connessione dell’Ordine di Santiago in Messico, della mafia palermitana e scherma palermitana.

Spedizione a Messico di Ph.D Oleg Maltsev

 

Come già sappiamo, il sistema di scherma palermitana continua ad esistere nella città di Palermo in la forma di sistemi familiari. Questa scuola di scherma viene tramandata di generazione in generazione solo nella cerchia familiare, tuttavia i risultati del suo uso, le conseguenze e il successo trionfale hanno già tuonato il mondo intero.
Compreso i siciliani hanno usato un certo meccanismo, che è nello stile di scherma palermitano, le attività della mafia palermitana, anche trasformare questo sistema in un meccanismo invincibile per raggiungere il potere, anche nei nuovi territori (se consideriamo la migrazione globale negli Stati Uniti).

Come descrive il Comandante dell’Ordine di Cavaliere di Santiago, il Maestro Francisco Lorenz de Rada, scrive:
«La guerra è come la vita». Cioè, se una persona non si abitua a vivere così nel processo della vita e dell’attività, allora non sarà in grado di acquisire questa abitudine in guerra «.

Francisco Lórenz de Rada
Illustrazione dal suo trattato «Nobleza de la espada», Madrid 1705

 

Il sistema di scherma, logica e tattica caratterizzano con la sua origine, controllato e corregge durante secoli, si utilizza per educare le nuove generazioni, che anche scrivano e dimostrano i famosi schermitori in loro trattati, come:

Giuseppe Morsicato Pallavicini in suo trattato «La scherma illustrata composta da Giuseppe Morsicato Pallauicini palermitano», 1670

 

 

Blasco Florio in suo trattato “La scienza della scherma esposta da Blasco Florio”, 1844

 

 

Michele Alajmo in suo libro “Come si diventa spadisti”, 1936

 

Per esempio, Blasco Florio scriva non solo di fondamenti di scherma o nozioni preliminari, ma anche teoria, analisi della difesa e l’offesa, proprietà geometrica, origine delle azioni e altre cose.
Lavorando con il coltello, bastone siciliano e qualsiasi altra arma, la passione per i combattimenti è già diventata una tradizione e uno stile di vita secolare in Sicilia, ma anche il sistema originale ha la sua origine. Certamente questo argomento richiede un’attenzione separata, che sarà anche scritto negli articoli successivi.

Contattare con l’esperto