10 FATTI SORPRENDENTI DEL’ORDINE DI SANTIAGO

L’Ordine di Santiago è un ordine religioso e militare, nasce dal XII. Origine del suo nome è dal patrono della Spagna, Santiago el Mayor. Il suo obiettivo iniziale era proteggere i pellegrini dal Camino de Santiago ed espellere i musulmani dalla penisola iberica.

Il compito che loro avevano non era semplice, rispettivamente, dovevano avere le abilità, le conoscenze, la destrezza del maneggio delle armi per fare il combattimento, la basa della politica internazionale etc. Molti scienziati e ricercatori hanno studiato le attività di questo Ordine, hanno scritto libri, articoli, condotto un’analisi comparativa, tuttavia, fino ad oggi ci sono molti fatti inspiegabili relativi alle attività dell’Ordine di Santiago. In questo articolo sono scritti alcuni fatti sorprendenti, unici dell’Ordine di Santiago.

1 fatto — il terzo santuario del mondo cattolico (dopo Gerusalemme e Roma)
Santiago de Compostela — una città e un comune della Spagna, nella provincia di Corugna, è l’antica città di Santiago, patrimonio mondiale dell’UNESCO.
Secondo la leggenda, i resti dell’apostolo Giacomo sono nella cattedrale della città. Pertanto, fin dal primo Medioevo, la città è il terzo santuario del mondo cattolico (dopo Gerusalemme e Roma), il centro dell’arcivescovado cattolico e il pellegrinaggio e la destinazione finale della famosa Via di San Giacomo, che copriva tutto il territorio europeo, quindi questa città è anche chiamata «Mecca cristiana».

Santiago de Compostela del 1837 (David Roberts)

 

2 fatto — Attributo di ogni pellegrino dell’Europa
Il segno di appartenenza all’Ordine Santiago era un’immagine della spada rossa con il manico a forma di croce, la puntata verso il basso. Successivamente, fu sostituito da una croce rossa simile a una croce giglia con un’estremità inferiore nella forma di una lama di spada. Spesso i petali di giglio alle estremità dell’Ordine della Santa Croce.

Croce dell’Ordine di Santiago / Giacomo il Maggiore

Nel tempo, questo simbolo è diventato un attributo indispensabile di ogni pellegrino dell’Europa occidentale in generale (e non solo un pellegrino per le reliquie dell’apostolo Santiago).

 

La spada fu aggiunta all’Ordine della Croce dei Cavalieri di Santiago in ricordo del martirio del Giacomo il Maggiore, che predicò la Parola di Dio in Spagna sotto il governo degli antichi Romani.
La spada personifica il carattere cavalleresco dell’Apostolo Giacomo e il suo martirio, dal momento che fu decapitato con la spada. Può anche simboleggiare, in un certo senso, prendere la spada nel nome di Cristo.

 

3 fatto — monaci o cavalieri dell’ordine di Santiago?
Nel 1171, i Cavalieri dell’Ordine di Santiago (seguendo gli statuti dell’ordine monastico agostiniano) difendono la piccola città Uclés, situata al confine dei possedimenti castigliani. A quel tempo, testimoniavano la presenza non solo dei fratelli cavalieri in l’ordine di San Giacomo e la Spada rossa, ma anche dei fratelli-sacerdoti (cappellani). Nel 1175, l’Ordine del Santo Apostolo Giacomo e la Spada ricevettero l’approvazione ufficiale dalla Santa Sede. Insieme alle disposizioni degli statuti dei monaci agostiniani (che regolano gli aspetti religiosi della vita dei membri dell’Ordine di Santiago), l’Ordine dell’Ordine comprendeva anche alcune disposizioni dell’Ordine dei poveri cavalieri di Cristo e del Tempio di Salomone (aspetti militari che lo governavano). Tra i membri dell’Ordine di Santiago erano cavalieri-fratelli, fratelli-sacerdoti e fratelli-servizio (fratelli di servizio). L’ordine era governato dal Maestro (Maestre, Mestre) e dalla Convenzione (Consiglio, Capitolo), che erano sotto la guida suprema del Papa di Roma. Nottiamo che le Regole dell’Ordine di Santiago erano meno ascetici e meno gravose per i suoi membri tra tutti gli statuti degli ordini religiosi iberici.

In realtà, l’Ordine di San Giacomo e la Spada rossa non era un ordine monastico, nonostante il fatto, che i suoi fratelli seguissero le regole del monastero della comunità monastica e costantemente impegnato in esercizi religiosi. I membri dell’Ordine di Santiago furono liberati dai voti monastici obbligatori di castità (erano autorizzati a sposarsi) e dal non possesso (gli fu concesso di possedere proprietà personale). Quindi, solo un voto monastico — il voto di obbedienza — era obbligatorio per i membri dell’Ordine di Santiago. Secondo alcuni rapporti, la liberazione dai voti di celibato e di non possesso era un privilegio speciale concesso ai membri dell’Ordine di Santiago dal Papa. Tuttavia, dopo la morte di un membro dell’Ordine di San Giacomo e della Spada rossa, tutte le sue proprietà furono trasferite non alla sua vedova e ai suoi figli, ma al possesso dell’Ordine, il quale, dal canto suo, assunse l’obbligo di prendersi cura della famiglia del defunto fratello.
Nel piccolo villaggio di Uclés, sul lato meridionale di Alcarria, c’è una grande fortezza-monastero. Dal storia della Spagna conosciamo che nel XII secolo la fortezza fu costruita dai cavalieri dell’Ordine di Santiago vicino al confine con gli stati arabi.

 

4 fatto — Espansione della terra in Spagna
Nel periodo di maggiore prosperità dell’Ordine di San Giacomo e della Spada, le sue numerose proprietà terriere coprivano tutta la Spagna. Di conseguenza, l’ordine cominciò ad avere legami sempre più stretti con la corte reale e, di conseguenza, l’interesse del re per le attività dell’Ordine di Santiago iniziò ad aumentare. Così, nel 1254, il re ricevette il diritto di voto quando eleggeva gli ufficiali dell’Ordine di Santiago, e dal 1275, il candidato di Magistro proposto dal Re.

5 fatto — abilità e destrezza nella scherma
La scherma è considerata una delle competenze particolare nel Medioevo e non solo di questo tempo. Questo è un meccanismo per raggiungere il potere, mantenendolo nelle mani, un modo per difendere i propri interessi, ecc. Gli spagnoli sono i progenitori e i creatori dello stile di scherma di Verdadera Destreza. Compreso l’Ordine di San Santiago ha i suoi famosi rappresentanti che hanno fatto un grande sforzo per sviluppare e mantenere la tradizione della scherma, hanno lasciato una certa eredità scritta che ha raggiunto i nostri giorni. Questo argomento sarà nei seguenti articoli con i risultati della ricerca in questa direzione.

 

6 fatto — L’Ordine di Santiago ha il suo Tempio Criminale
Anche nell’antichità, una conchiglia invertito era considerato come un simbolo della tradizione criminale. Tuttavia, ci sono molte leggende della sua origine e il collegamento con l’Ordine.
Secondo una delle versioni generalmente accettate, la presenza di una conchiglia è associata al movimento delle reliquie di San Giacomo in Spagna. Il suo corpo tormentato fu trasportato a Gerusalemme nel 44 anno. Quando la nave con il corpo raggiunse la riva, un cavallo fu spaventato e, insieme all’autista, cadde in acqua. Tuttavia, il cocchiere e il cavallo furono salvati miracolosamente. In quel momento accadde qualcosa di strano: loro uscirono dall’acqua, coperti di conchiglie.

Inoltre, molte ipotesi concordano sul fatto che ci sono tante conchiglie in Galizia, dove c’è la tomba di S. Giacomo. Nel Medioevo fu praticato anche il pellegrinaggio lungo il Cammino di San Giacomo e per confermare la visita al santuario, tutti i partecipanti prendono un «souvenir locale». Nel corso del tempo, questo attributo è diventato una conchiglia — i pellegrini hanno portato la come la prova che loro hanno raggiunto effettivamente il posto sacro e hanno seguito fedelmente questa strada.
Durante molte spedizioni scientifiche, esplorando il misticismo europeo, la cultura e le tradizioni dell’Europa, i complessi dei templi di tutto il mondo, ecc., tante volte abbiamo trovato questo attributo. Ad esempio, a Tenerife, Oleg Maltsev ha scoperto un tempio criminale dell’ordine di Santiago.

 

 

7 fatto — il Messico è uno dei centri di attività
Il territorio del Messico era anche controllato dall’Ordine di Santiago.
Fernando (Hernan) Cortes (1485-1547) raccolse un esercito per conquistare il Messico, a quel tempo era una terra sconosciuta degli indiani. Invadevano questi territori come messaggeri di Dio, come cosi gli aborigeni locali hanno pensato di loro. Il Governante di Montezuma regalò oro a Cortes. Tuttavia, tale dimostrazione di generosità e umiltà degli Aztechi non sopprimeva l’avidità e la crudeltà negli spagnoli. Pertanto, in risposta, gli Aztechi si rivoltarono e affrontarono i conquistatori. Cortes non lo accettò e con i nuovi rinforzi conquistò nuovamente Tenochtitlan, la capitale del Messico, e altre città dello stato azteco. Il governo della Spagna ha conosciuto notizie e malumori raggiunsero: nel 1528 Cortes, arrivando alla corte di Carlo V, guadagnò in modo straordinario la misericordia del Imperatore di Spagna ed era già tornato in Messico come cavaliere onorario dell’Ordine di Santiago.

Fernando (Hernan) Cortes

 

In Messico, c’è stata una spedizione sotto la guida di Oleg Maltsev per studiare le attività dell’Ordine di Santiago in questo territorio, la tradizione criminale messicana, in parallelo, sono in corso i lavori per sviluppare una metodologia nel campo della psicologia e altre ricerche. Nel tempo, pubblichiamo tutti i risultati della ricerca, libri e altri articoli.

Corpo di spedizione in Messico

 

8 fatto — Ordine di Santiago e Sicilia
Praticamente poche persone sanno che le attività dell’Ordine di Santiago e una parte della cultura siciliana, forse uno dei motivi principali dell’idnoranza è l’altro nome adottato in questo territorio. L’Ordine di San Giacomo della Spada Rossa era famoso e rispettato nel questo territorio.
Secondo alcune fonti, l’origine dell’Ordine proviene dalla città di Naro, in futuro la rappresentazione dell’ordine si è diffusa in quasi tutta l’isola.

Per esempio, a Trapani, l’Ordine di San Giacomo è attiva dal 1420 circa. Questa «fraternità disciplinare» fu testimoniata nel 1459, insieme alle altre fraternità di Giacomo a Corleone, Collesano, Randazzo e Castiglione di Sicilia, che pagarono la decima apostolica alla Chiesa romana. Dal XVI secolo c’è stato un significativo aumento e diffusione in tutta la regione dell’Ordine. La loro esistenza è confermata a Castelvetrano, Alcamo, Licata, Mussomeli, Palermo, Ciminna, Sclafani Bagni, Gerasi Siculo, S. Fratello, Randazzo, Paterno, Catania e Ragusa.
Nel XVII secolo la presenza del’Ordine registrata a Palermo, Termini Imerese, Agrigento, Piazza Armerina, Camaro, Messina, Acicatena e Catania. In questo secolo, cresce l’attività di costruzione le chiese dedicate all’Apostolo San Giacomo.

Dislocazione dell’Ordine di San Giacomo a Sicilia

 

9 fatto — Connessione inalienabile con la mafia e la scherma palermitana
La attività dell’Ordine di San Giacomo a Palermo iniziò nel XVI secolo (uno dei periodi è il ritorno della scherma napoletana e palermitana a Sicilia (dalla ricerche della Scherma a Sicilia).
Prove della presenza dell’Ordine a Palermo e della sua influenza sull’attività culturale e politica della Sicilia sono presenti in molte chiese, edifici amministrativi di Palermo con i loro emblemi e altri simboli. Soprattutto un sacco di elementi epigrafici si possono trovare nel Palazzo Pretorio.

 

Ad esempio, nella Villa Niscemi Valguarnera a Palermo ci sono i ritratti di Simon Normanno, Federico III e Filippo d’Austria. Sono anche raffigurati con la croce di San Giacomo su armatura, come Tancredi con i simboli di Malta e Enrico VI con il vello d’oro nel 1493.
Una breve passeggiata attraverso il centro storico di Palermo può essere utile per trovare le testimonianze epigrafiche, in gran parte correlata alle attività politiche e amministrative di cavalieri, tra ci sono: Giuseppe Montaperto e Uberti (pretore nel 1655-1656), Francesco Fernardes de la Cueva, Membro del consiglio dei 13 fondatori dell’Ordine, anche Francesco Branciforti e Francesco Caetani (rispettivamente viceré, magistrato e senatore nel 1668-1669), Giuseppe Gary (senatore nel 1671, 1684 e 1691), Antonio Salazar (senatore in 1693), Ottavio Corsetto (senatore nel 1627).

Stemma di Don Lanchillotto Castello (Palermo) — Chiesa del Gesù a Casa Professa
Stemma, Ospedale San Giacomo degli Spagnoli (1560-1587)

 

Stemma di Don Scipione Cottone e Aragona (Palermo) — Palazzo Castelnuovo

 

10 fatto — Evoluzione anormale e trionfo rapido
Molti ricercatori e scienziati, che nel loro lavoro ricercano la attività dell’Ordine di Santiago, notarono l’evoluzione anomale e la diffusione, la conquista di territori sconosciuti e il rapido raggiungimento degli obiettivi.
Nel corso del suo sviluppo straordinariamente dinamico che ha avuto luogo nei prossimi decenni, l’Ordine di Santiago crebbe rapidamente, acquisendo nuove terre e castelli, non solo nella penisola iberica, ma anche in Francia, Italia, Terra Santa, Inghilterra, Ungheria, Polonia e altri paesi.
Dopo la metà del XII secolo, l’Ordine di Santiago ottenne ampia popolarità e grande fama in tutto il Mediterraneo.
Questo fenomeno non è ancora del tutto chiaro, ma molti scienziati sostengono questo fatto, inclusa l’esistenza di una chiara gerarchia stabilita e l’esistenza di un statuto e regole interne, una rigorosa subordinazione e seguito a tutti accordi.

 

In questo articolo non ci sono tutti i fatti e le caratteristiche dell’Ordine di Santiago, quindi questo argomento sarà in seguenti articoli. Descriviamo i risultati della ricerca in Messico, del lavoro con fonti scritte, altri ricercatori e altro!

A presto!

 

Contattare con l’esperto