TRIONFO DELLA SCHERMA NAPOLETANA

Movimento più riuscito del Sole con Gloria
segue le maestose vittorie di trionfo.
Francesco Antonio Mattei

La scherma napoletana è ancora un mistero per la stragrande maggioranza di tutta l’umanità. Fino ad oggi, quasi alcune persone sapevano della sua esistenza. Ciononostante, alcuni famosi Maestri della Scherma apprezzarono la sua efficacia, l’intransigenza, la vittoria in un solo colpo, anche loro annotarono questo nei loro trattati.

«Tutte le descritte scuole di scherma sono buone, tuttavia, ma napoletana rimane migliore»
Cesare Alberto Blengini

 

«Non è necessario numerarli in modo che non sia divertente, basta capire l’oceano e dire che la Nobiltà Napoletana è scintillante, la conserva il suo significato sotto il Cielo, ei guerrieri sono molto bravi, che è meglio di questo».
Francesco Antonio Mattei

 

 

«Sto dicendo la verità, come ho detto questo in pubblico. Se mi vuoi criticare per il fatto che amo troppo la mia terra, darò una risposta, ma più sapendo la verità, che è sempre al primo posto, e ne sono convinto, aggirando l’Italia, la Spagna e la Francia, dicendo che la scherma napoletana è il fiore di tutte le nazioni».
Nicola Terracusa e Ventura

 

Notiamo, malgrado la presenza così grande efficienza, la gioia dei famosi rappresentanti della scherma, è difficile trovare una descrizione completa del sistema di scherma napoletana, un modello o uno schema, elementi tecnici, ecc.
In l’Istituto di ricerca «Tradizioni mondiali delle arti marziali e studi criminali del’uso delle armi», nella Scuola di scherma napoletana (Destreza Napolitana) abbiamo preparato una lista di 23 fonti principali — tratti, libri, altre opere di scherma napoletana. Queste fonti contengono solo frammenti e gli elementi rimanenti di questo sistema unico. Pertanto, scienziato, Ph.D, accademico Oleg Maltsev ha restaurato la scherma napoletana completamente con le tecniche e tecnologie speciali. Lui ha provato lo questo sistema è stato introdotto nel lavoro, praticato con vari esperti nel campo delle arti marziali e scienziati da diverse parti del mondo durante cinque anni sulla base dell’istituto di ricerca scientifica e della Scuola di scherma napoletana.

Per capire cos’è la scherma napoletana, si dovrebbe iniziare con la definizione di scherma, come maestri e ripresentanti di questo stile hanno pensato di la.

 

Blasco Florio, nel suo trattato «La scienza della scherma esposta da Blasco Florio», ha scritto, che la Scherma è:
«Il modo di gestire e controllare le tue azioni offensive, così come la riduzione degli attacchi nemici per niente».
(definizione della scherma in 1844, la linea di Pietro Villardita).

 

Nicola Terracusa e Ventura nel suo lavoro «La vera scherma napoletana» del 1725 ha scritto la seguente definizione:
«La scherma è un inganno, ordinato dalla velocità, compreso attraverso una dimostrazione».

Обложка трактата "Истинное неаполитанское фехтование"

 

Questi due Maestri della scherma napoletana presentano all’attenzione generale definizioni e spiegazioni completamente diverse. No, in nessun caso si tratta di un errore o di fuorviare del nemico, si tratta di stili tecnologici diversi, tuttavia, in generale, questo fenomeno si chiama Scherma Napoletana.

Di solito, quando tutti studiano questo stile, ritengono che questo sia un sistema esistente, basato su principi determinati, leggi, ecc. Tuttavia, dopo aver studiato e condotto ricerche, analizzato i trattati, ripristinato il sistema e verificato in pratica sulla base di istituti di ricerca scientifica, Grand Maestro Oleg Maltsev ha concluso che ci sono tre diverse linee di stile, quale sono basate su diversi concetti fondamentali.
Perché è così? Il fatto inizialmente, quando gli spagnoli costruivano il loro sistema sulla base di questo stile antico, l’era basato su tre diverse tecnologie, aree di lavoro, che già conosciamo dopo aver studiato le fonti primarie.

La prima linea (tecnologia) era Palermitana, che fu creata come un sistema di attacco.
“Chi sta attaccando – vince”.
Questo sistema è stato progettato per un certo tipo di attività, cioè per l’esercito. Queste persone devono attaccare e vincere in qualche modo in base al loro lavoro.

La seconda linea (tecnologia) è basata sull’inganno, che è stato progettato specificamente per l’esplorazione, servizi segreti. Tutto qui è logico anche, perché è necessario ingannare il nemico per risolvere compiti di ricognizione e sabotaggio in questo direzione dell’attività.

La terza linea (tecnologia) si basa sul sistema di contrattacco, che conosciamo come il sistema dell’esplorazione del Re Carlo V. Questa strategia di contrattacco indicherebbe l’ordine dei francescani.

Analizzando la storia delle guerre e delle conquiste che hanno avuto luogo nella storia, vediamo che tutto questo sistema si trasmette in Madrid e alla fine del XVI secolo si torna nella forma di quella scherma, come lo stile Napoletano.

 

La linea d’attacco Palermitana si diventa la linea di Pietro Villardita (che si trova nell’articolo «L’efficacia di 3000 anni dello stile di scherma palermitana»). Maestro Pietro Vilardita era il conduttore di questa antica linea. Dopo la guerra il sistema di attacco ritorna in una forma purificata, poiché dopo l’applicazione si lasciano solo gli elementi più efficaci comprovati. Successivamente, il Maestri Napoletani di Scherma: Giacomo la Cuova, Antonio Mattei, Nicolo Terracusa e Ventura proseguono la linea del sistema di inganno, ordinato per velocità. Come risultato, si scopre che la tecnologia dell’inganno, come vediamo in trattati, costituisce la base della linea palermitana, che è la scherma napoletana anche, la sua linea palermitana, è costruita sulla linea dell’inganno, cioè su 24 finti. La linea dei francescani si sta spostando a Catania, era sotto il giuda di Leonardo Ciacchio. Ciò è confermato oggi con la restante recinzione nella zona di Catania. Notiamo che i rappresentanti della scherma di questa regione aspettano in un duello, quando il nemico attacca e colpisce. Cioè, il loro sistema è bassato su un contrattacco, sul principio di aspettare uno colpo.

Per tracciare queste tre linee di scherma napoletana, puoi esplorare le fonti scritte su questo argomento. Tuttavia, dovrebbe essere notato i problemi, quale una persona potrebbe incontrare durante lo studio di questo sistema.

  • Il problema principale è che tutte le informazioni sono così disperse che è necessario compiere sforzi enormi per raccogliere tutto materialo, a quel tempo molte opere sono in librerie, collezioni privati.
  • Studiando la questo tema è necessario operare una gamma di opere fondamentali, tra loro anche è un libro fondamentale » Filosofia delle armi» di Ieronimo de Caranza, anche è necessario esplorare altri sistemi correlati per poter confrontare e analizzare ogni cosa.
  • «Tuttavia, con tutto questo è necessario avere la capacità e l’abilità per leggere queste opere antiche e medievali, direttamente, in italiano antico e spagnolo.

 

Supponiamo che una persona riesca a far fronte alla prima fase della ricerca — lo studio delle informazioni, poi sarà una fase più difficile — capire la costruzione del concetto dello stile stesso. Di solito, qualsiasi stile o le arti marziali si basa su un certo modello, un certo sistema. Fino ad oggi, nessuno non ha presentato il modello di scherma napoletana. Grand Maestro Oleg Maltsev ha restaurato lo stile di scherma napoletano con il lavoro nella pratica, i modelli logici, i principi, il blocco raccomandato, elementi tecnici di questo sistema, ecc. Prima l’umanità non aveva una vera comprensione di questo sistema.

 

Informazione:

Per la ricerca e il lavoro con i fonti, antichi trattati sulla scherma napoletana, abbiamo tradotto loro in russo. Oggi tutti possono conoscerli liberamente su Internet, tra loro sono:

  • «La vera scherma napoletana» di Nicola Terracusa e Ventura;
  • «Della Scherma napoletana» Francesco Antonio Mattei;
  • «Scienza della scherma di Blasco Florio”;
  • «Trattatoteorico-pratico dispada esciabolaevarie parate di quest’ultima contro la baionetta e la lancia operetta illustrata da 30 figure incise con ritratto dell’autore compilata da Cesare Alberto Blengini»;
  • “Compendio de la filosofia y destreza de las armas, de Geronimo de Carrança” Jerónimo Sánchez de Carranza;
  • «Libro de las grandezas de la espada». Luis Pacheco de Narváez e altri.  Queste e altre opere si puoi trovate nella biblioteca dell’Istituto di ricerca scientifica, anche loro sono disponibili su Internet.

 

In conclusione, possiamo concludere che lo schema schematico dello stile di scherma napoletana è costituito da tre linee: il sistema di attacco, la linea di inganno e il sistema di contrattacco. Conformemente, i loro antenati erano eccellenti maestri di scherma: Pietro Villardita, Giacomo la Cuova, Leonardo Chiaccio (vedi i seguenti articoli).

Schema schematico dello stile di scherma napoletana

 

Dopo numerose conquiste militari spagnole il sistema di scherma napoletana era “pulito” e restituito al Sud d’Italia, trasformato in due linee palermitane e un sistema di scherma, che si esista a Catania.
Nei seguenti articoli descrivo le ricerche e il lavoro con lo stile di scherma napoletano.

 

Contattare con l’esperto