CULTO DEL COLTELLO NELLA TRADIZIONE CRIMINALE MESSICANA

Nella tradizione criminale c’è un tale fenomeno che il COLTELLO NON SPARA per molti secoli dello sviluppo e trasformazione della tradizione. Notiamo, che anche il progresso tecnico non si ferma. Dal tempo del’uso attivo del coltello, c’è un nuovo un nuovo tipo dell’arma, come un’arma da fuoco, ma chiaramente questa arma non ha sostituito l’uso di un coltello nell’ambiente della sottocultura criminale. E sa perché è così?

Innanzitutto, si può presumere che il coltello sia uno strumento universale con sue caratteristiche, dal momento che in condizioni urbane era possibile nasconderlo, quando è necessario procurarselo, perché l’uso del coltello è proibito. Tuttavia, le armi da fuoco possiedono anche tali proprietà, specialmente per usarle non si ha bisogno acquisire l’abilità speciale e per maneggio un coltello — una persona deva prendere un certo allenamento, per acquisire padronanza. Ci sono una serie di vantaggi controversi dell’uso e delle caratteristiche nella direzione di tutte due strumenti, ma l’impegno nella tradizione criminale rimane con rispetto del coltello, e la ragione principale di ciò risiede in un diverso livello di percezione e comprensione della cultura e dei modelli di comportamento delle strutture criminali.

Come già noto, la tradizione criminale è un eccellente veicolo della storia. Possiamo vedere queste sottoculture non sistemiche, primitive, ma ciò questa cosa non interferisce con la soluzione dei loro compiti, il mantenimento della vita e, come in alcuni casi, la prosperità nei territori di tutti i continenti.

Ciò il fatto esiste, che costantemente loro vivono sempre in un certo «situazione della guerra», cioè, ogni giorno hanno bisogno di pensare alla loro esistenza per sopravvivere nel mondo moderno in continua evoluzione. Questo tipo di guerra è un indicatore esterno che non permette loro di cambiare. La qualità della sostanza originale della tradizione criminale rimane invariata, poiché la loro di sopravvivere e ottenere il risultato desiderato. Includere la presenza di un tale contatore esterno consente loro di adattarsi e adattarsi costantemente a qualsiasi tipo di cambiamento.

Altrimenti, se non si attaccano ad esso e lo cambiano, allora il costo di qualsiasi errore potrebbe essere la loro vita. Tutte le conoscenze e le abilità, l’eredità che viene tramandata di generazione in generazione nella sottocultura, consentono al suo rappresentante di sopravvivere, incluso uno dei motivi per aderire alle regole e alle tradizioni originariamente stabilite.

Le tradizioni criminali, naturalmente, hanno alcuni cambiamenti temporali durante la velocità di sviluppo e trasformazione dell’ambiente esterno, del loro campo di attività e di altri fattori; compresi vari rami, sezioni, ma sono costruiti sulla stessa sostanza originale.

Sulla base dell’Istituto di ricerca delle tradizioni militari mondiali e degli studi mondiali sull’uso delle armi, «l’Istituto di ricerca di Memoria» accademico, Ph.D Oleg Maltsev ha ricercato una serie di tradizioni criminali, tra loro sono: russo, siciliano, calabrese, spagnolo, genovese, ecc .; anche Lui ha scritto una serie di libri. Facciamo la ricerca e l’analisi delle sottoculture criminali e l’immersione diretta, lo studio dall’interno con l’aiuto dell’attività scientifica del Corpo di Cpedizione in tutti gli angoli del pianeta. A quel tempo Oleg Maltsev ha sviluppato un metodo speciale per studiare qualsiasi tradizione, sottoculture, religioni, che ha descritto in dettaglio nel libro scientifico-metodico «Bussola del Destino».

Dalla nostri ricerca conosciamo, le strutture criminali sono ovunque diverse, ci sono diversi loro tradizioni, preparazione intellettuale e aree di attività, etc. Si può notare che:

  • la tradizione criminale italiana è altamente intellettuale;
  • africana- abbastanza primitivo;
  • russa è ciò che vuoi, per la scelta e la preferenza della persona;
  • e quale, ad esempio, è la Tradizione Criminale Messicana? Lo esploriamo negli articoli successivi e sulla base di risultati di ricerca in nostro Istituti e della spedizione scientifica messicana.

 

Dopo la prima fase del lavoro di preparazione e di ricerca, è stato scritto un libro dedicato ai risultati di uno studio scientifico sull’uso di armi a lama da parte della tradizione criminale messicana in quattro periodi storici: l’era precolombiana; un periodo di colonizzazione spagnola; la guerra con l’America a metà del diciannovesimo secolo; Mafia messicana del XX e XXI secolo.

Uno dei fattori fondamentali delle sottoculture criminali, che richiede principalmente attenzione, è LOGICA, che esiste la l’origine rimane invariato per tutto il tempo. Come già descritto sopra, questo modo della logica si permetta loro di esistere sul loro territorio e, naturalmente, che è già nel loro sangue, viene dall’infanzia, loro non pensano e agiscono in modo diverso, perché nel loro caso questo è il modo più efficace molti predecessori e il lavora per risolvere i loro problemi.
In primo luogo, dovremo prestare attenzione allo stemma del Messico: un’aquila seduta su un cactus che divora un serpente.

Stemma del Messico

 

È interessante, ma qualcuno puoi domandare: «In che modo la tradizione criminale è connessa con l’emblema ufficiale del Messico?»
Le immagini azteche avevano profonde connotazioni religiose, ma per gli europei era solo un simbolo del trionfo del bene sul male. Gli indiani riuscirono a trovare un posto del genere, che corrispondeva pienamente alla descrizione, e decisero di creare la propria città sulla sponda occidentale del lago di Texcoco, in una pittoresca valle. Questa leggenda si riflette nella bandiera e l’emblema del Messico. Tuttavia, il fatto, che questo modello di un’aquila, seduto su un alto cactus e con in mano un serpente nel becco, fornisce la logica e la giustificazione per i sacrifici, che, a nostro avviso, in questo modo erano i primi crimini.

Uccidere persone in modo di sacrifici è come un’ombra, come una proiezione, ancora è visibile oggi. Inoltre, lo stemma con un’aquila e un serpente stesso è rimasto invariato per molti secoli e, naturalmente, è salvato in lungo parte della cultura.
Gli aborigeni erano guerrieri senza paura. Non avevano paura del dolore o della morte. Tuttavia, il loro comportamento, le loro tradizioni e il loro stile di vita non sono assolutamente comprensibili per la persona europea. Proviamo a capire perché le tribù locali non avevano paura della morte.

Ci sono un numero di libri e manoscritti in cui vengono citati i ricordi dei conquistatori spagnoli. Dissero che gli indiani non solo non avevano paura della morte — per qualche ragione si rallegrarono sinceramente quando osservarono la morte. Inoltre, gli Aztechi credevano che vedere la morte gloriosa del proprio popolo fosse un dono del destino.
Tutto ciò ha causato uno smarrimento assoluto tra gli europei. Fin dall’infanzia, agli indiani è stato insegnato a credere che la morte in battaglia è una pietra sacrificale è il più alto onore e felicità, e solo tale morte apre una via diretta alla beatitudine postuma. Tuttavia, gli aborigeni erano particolarmente felici quando riuscirono a sacrificare i loro nemici.

 

Lasciami provare a spiegare perché questo sta accadendo. Il fatto che gli dei siano stati presentati agli indiani sotto la forma di aquile che vivono nel cielo. Allo stesso tempo, gli indigeni si consideravano i discendenti di queste aquile, poiché la maggior parte di loro abitava nelle zone montuose e si trovava vicino ai luoghi in cui vivevano le aquile. Ecco perché gli indiani consideravano la loro origine divina.

 

L’unico scopo con cui l’aquila scende a terra è trovare cibo. Notiamo che il più delle volte le aquile di montagna mangiano i serpenti, che per la maggior parte delle persone è come la personificazione di un certo male — la personificazione di una rottura con Dio. Non è una coincidenza che dicono: «Nato per gattonare, non può volare». Ecco perché, se sei un’aquila (o una discendente di aquile), poi scendi dal cielo, devi uccidere i serpenti per trovare da mangiare. Inoltre, uccidendo fornisci cibo ad altre aquile, che ora non hanno bisogno di scendere dalle montagne per il cibo. In cambio, ti danno tutta la grazia della vita.
È così che gli aborigeni giustificavano l’uccisione di persone sotto forma di sacrifici nel primo periodo storico, che ha fatto una profonda impronta nella memoria del popolo e divenne parte della tradizione.

 

L’uso del coltello nella tradizione criminale messicana può essere giudicato dalla moltitudine di affreschi, incisioni, dipinti e numerosi libri del periodo della colonizzazione spagnola, in cui presteremo attenzione esclusivamente al tema della nostra ricerca. Naturalmente, possiamo studiare l’intero arsenale degli elementi più efficaci delle armi a lama e la tecnica del loro uso durante il periodo di espansione spagnola. I guerrieri aztechi furono costretti a usare le armi più efficaci. Era una questione di vita o di morte di tutta la civiltà.

 

All’inizio, i conquistatori spagnoli non capivano le tattiche di battaglia azteche. Possiamo dire che fu un certo stadio della nascita, della fioritura e della distruzione della civiltà indiana in Messico. Secondo la storia ufficiale, l’espansione dei conquistatori spagnoli sotto la guida di Hernan Cortes distrusse la statualità azteca nella prima metà del XVI secolo.
I guerrieri aztechi non cercavano di uccidere gli estranei. Il loro compito era quello di catturare gli spagnoli. Come ricordiamo, questo è direttamente correlato alla tradizione del sacrificio, di cui abbiamo già parlato in precedenza.

 

Ovviamente, una tale tattica non poteva che influenzare la tecnica del combattimento con i coltelli. Inoltre, gli spagnoli si resero conto solo nel tempo che era molto importante per gli Aztechi prendere il prigioniero da solo. Ciò ha influenzato anche la tecnica aborigena.

Per quanto riguarda le armi, gli spagnoli dicono nei loro libri: «La prima arma è stata una lancia, che è entrata in azione durante gli scontri militari».

 

Seguendo le lance stavano lanciando coltelli, che la maggior parte delle persone oggi confondono con tirapugni e coltelli rituali. In effetti, l’arsenale di coltelli da lancio sembrava il seguente.
Più avanti nella foto è possibile vedere il coltello da lancio nella forma di un artiglio di un’aquila, che raffigura una divinità.

 

 

Si prega di notare che tutti questi coltelli stanno gettando carattere. Con l’aiuto di tali coltelli era impossibile eseguire i rituali dei sacrifici, come credono molti «esperti» moderni. Rompere il petto con tali coltelli impossibile. E una cosa completamente diversa: le lame, che in realtà venivano utilizzate durante l’organizzazione delle cerimonie.

 

Tutti questi materiali dimostrano vividamente l’arsenale della lama aborigena nel primo periodo storico, la loro logica e tattica.

Dopo la prima fase del lavoro di preparazione e di ricerca, in nostro Istituto è stato scritto un libro dedicato ai risultati di uno studio scientifico sull’uso di armi della tradizione criminale messicana in quattro periodi storici: l’era precolombiana; un periodo di colonizzazione spagnola; la guerra con l’America a metà del diciannovesimo secolo; Mafia messicana del XX e XXI secolo

Questi sono i coltelli aztechi usati nel corso delle battaglie. Quindi, questi coltelli erano sia rituali, e anche per combattimento.
Prestiamo attenzione anche ai tirapugni, che venivano usati dai guerrieri aztechi durante i combattimenti a distanza ravvicinata.

 

Tutti questi materiali dimostrano vividamente l’arsenale della lama aborigena nel primo periodo storico, la loro logica e tattica.

Dopo la prima fase del lavoro di preparazione e di ricerca, in nostro Istituto è stato scritto un libro dedicato ai risultati di uno studio scientifico sull’uso di armi della tradizione criminale messicana in quattro periodi storici: l’era precolombiana; un periodo di colonizzazione spagnola; la guerra con l’America a metà del diciannovesimo secolo; Mafia messicana del XX e XXI secolo

I seguenti articoli esamineranno la tecnica del combattimento con i coltelli nella tradizione criminale messicana.

 

Contattare con l’esperto