RINASCIMENTO DELLO STILE DI FRANCESCO ANTONIO MATTEI

Lo stile napoletano di scherma si basa sul sistema spagnolo, un approccio scientifico efficace e intransigente, fatto di modelli logici e tattici, una pratica che viene delle conquiste spagnole e che può fornire degli elementi tecnici affidabili sul blocco. Come scrive Cesare Alberto Blengini, non c’è un sistema standard, ma quello napoletano è il migliore in tutto il mondo.

In questo articolo potrai conoscere una macchina efficace della scherma Francesco Antonio Mattei, che è stata completamente restaurata ed è rappresentata dal pubblico da Accademico e Grand Maestro Oleg Maltsev.

Tanti maestri famosi hanno notato i vantaggi dell’alta efficienza del sistema di scherma napoletana e palermitana nei loro antichi trattati e libri. Questi due stili di scherma spagnola sono come due fratelli gemelli.

Per capire lo stile di Francesco Antonio Mattei, la prima cosa che devi conoscere di questa persona leggendaria è il grande schermitore!

Come vediamo sull’Albero della scherma napoletana, Giacomo la Cuova ha ha creato tre linee di scherma napoletana. Il seguace della linea centrale è Antonio Mattei, la linea destra — Francesco Villardita e Leonardo Chiaccio è capo della terza linea sinistra.

Albero della Scherma Napolitana

 

Francesco Antonio Mattei riassume la sua pratica nell’uso di armi nel 1669 e scrive il trattato «Della scherma napoletana primo piano [-secondo]. Dove sotto il titolo dell’impossibile possibile si prova che la scherma sia scienza e non arte »

Il trattato di Francesco Antonio Mattei che abbiamo tradotto in russo per lo studio e le ricerche, è stato tratto liberamente da Internet

Questo lavoro delinea la pratica nell’uso della spada, anche con pugnale.
L’autore del trattato presta l’attenzione sull’esercizio del colpo diretto, che avviene con la rotazione del polso, e senza. Questo movimento sarà più veloce, se fatto correttamente, secondo tutte le sue specifiche e sarà fatale per il nemico. Di conseguenza, in battaglia, questa tattica sarà efficace e sarà la soluzione giusta per applicare un massimo effetto distruttivo.
Il trattato si compone di due parti. Nella prima parte, l’autore descrive i 21 elementi del programma, e che cosa il nemico userà in battaglia ma presta l’attenzione anche sui colpi, su come lavorare con un polso, come parare e attaccare in un movimento, che è la caratteristica principale della scherma napoletana; descrivendo anche alcune finte della gente.
La seconda trattazione dell’autore è più filosofica, perché non basta solo imparare il programma di scherma napoletano, ma è necessaria la pratica, e non solo il raggiungimento del blocco raccomandato di elementi tecnici, ma anche la formazione del blocco individuale. Mattei considera, che è importantissima la venerazione dei padri fondatori, il legame inestricabile tra teoria e pratica e altri aspetti che porteranno lo schermitore al livello del Maestro.

Sappiamo che se viene commessa una svista nella scherma, questo errore non dipende dalla scherma stessa, poiché la scherma come recinzione è perfetta, forte ed è un’abitudine perfetta.

Francesco Antonio Mattei

 

In questo modo, l’autore paragona la scherma ad una buona abitudine. Ma se, per una certa ragione, si oppone ad essa una cosa difficile o un argomento minore di questa scienza, allora la scherma può essere imperfetta, e l’abitudine non è esatta, allora l’autore nota che le conseguenze possono essere imprevedibili, poiché la scherma è eclissata da chi la usa e commette un errore il loro lavoro, e per questo motivo, la scherma non sarà più accurata, così come le conseguenze sono false.

Mattei osserva che ci sono tre basi fondamentali nella scherma: velocità, tempo e misura. Dovrebbero essere lavorati in modo tale da non commettere errori. E ancora, se viene commesso un errore, non è il risultato dell’errore stesso, ma di quello che la persona ha deciso di usarlo, il modo falso. Ad esempio, se una persona ha deciso di entrare nel combattimento per compiere determinate azioni offensive o addirittura difensive, ma se non esegue queste azioni abbastanza velocemente senza investire al momento giusto, o sceglie la misura sbagliata, l’autore non ha dubbi che sarà sconfitto e, ancora, non sarà una sconfitta in sé e per sé, e non a causa della scherma. Quindi, è ovvio che la scienza è un’abitudine necessaria nella scherma, tuttavia, una persona riesce a trovare abbastanza ostacoli per acquisire l’abitudine necessaria per la sua difesa.

Antonio Mattei sostiene che la scienza e l’abitudine si manifesta come una dimostrazione, il resto non significa nulla, per esempio, come una conversazione. Nella scherma, nulla può essere capito senza dimostrazione, perchè si può sbagliare qualcosa. Il Maestro cerca di trasmettere la conoscenza più importante e necessaria affinché una persona possa imparare. Questo approccio è caratterizzato da un impegno di base per la scuola di scherma spagnola, in quanto il Comandore dell’Ordine di Gesù Cristo, Jeronimo Sanchez de Caranza, progenitore della scherma spagnola e VerdaderaDestreza, osserva che tutto è compreso attraverso una dimostrazione. Lui ha esposto questa scienza nel suo trattato «Compendio de la filosofia y destreza de las armas de Geronimo de Carrança», descritto 12 dimostrazioni, che aiuteranno a comprendere la vera scienza della scherma.

Jeronimo Sanchez de Caranza e suo trattato «Compendio de la filosofia y destreza de lasarmas de Geronimo de Carrança»

 

Inoltre, Francesco Antonio Mattei era direttamente Cavaliere dell’Ordine di Santiago. Dalla storia è noto che questo Ordine ha generato l’Ordine di Gesù Cristo, una delle residenze situate sull’isola di Tenerife, che è stata esplorata durante la spedizione spagnola; anche come in Messico, che è oggetto di ricerca scientifica in 2019.

La residenza dell’Ordine di Gesù Cristo sull’isola di Tenerife. Foto ha fatto durante una spedizione di ricerca sull’isola di Tenerife

 

AncheMattei descrive l’approccio nella scherma, un approccio dei Cavalieri dell’Ordine di Santiago, vale a dire, nota l’efficacia del colpo dall’alto. Questo è il secondo colpo matematicamente derivato, descritto nel trattato «L’impossibile è possibile», che costituiva anche la base del sistema di scherma napoletana e palermitana. Anche questo è stato notato dal Cavaliere dell’Ordine di Santiago, Francisco Lórenz de Rada, che ha anche scritto un grande numero di trattati di scherma. Bisogna considerare questo dettaglio come estremamente importante, perché molte persone sono morte a causa del solito segno della spada, perché se lo fai da sopra, sarà molto più efficace. I seguaci di Francisco Lórenz de Rada e i cavalieri spagnoli portavano una spada dietro la schiena: in tal modo, tirando fuori la spada, è conveniente eseguire immediatamente un colpo dall’alto, che è più veloce e più efficace. Puoi leggere di questo nel trattato «Difesa della vera scienza delle armi» («Defensa de la verdadera destreza de lasarmas»), é disponibile anche in russo.

Trattato di Francisco Lórenz de Rada «Defensa de la verdadera destreza de las armas»

 

Prima di entrare nel vasto mare profondo, che è la scherma, una persona deve essere in grado di evitare i pericoli che dominano e si ergono più in alto, ha bisogno di questo per attraversare in sicurezza ostacoli difficili, rifornirsi, procurarsi un’ancora come supporto, che è una costante vero supporto. Coloro che non hanno fondamento cadranno nell’abisso seguendo il Vento del Nord, non ci sarà comprensione nella loro ancora, e con lo stesso ragionamento non sono d’accordo, anche se sanno bene che un meccanismo senza fondamenta è condannato a morte. Il concorrente di questa Scienza mi sorprende estremamente, spiegando come nuotare nei suoi discorsi, e la mia spada e il mio pugnale stanno facendo la sua strada libera. Il dovere di un tale cavaliere in questa scienza è, prima di tutto, di avere un vantaggio, e prima di tutto dovresti avere un’arma tra le mani, stare dritta, e mantenere l’equilibrio nella seconda fase, io chiamo un passo proporzionale, che non è né lungo, né breve. Tieni presente che una posizione molto ampia sarà forte e una posizione ristretta sarà inadeguata.
Francesco Antonio Mattei

 

 

La posizione dello stile di Francesco Antonio Mattei è una solida base per lo schermitore, dal momento che senza di esso la lotta può essere fatale. Dimostrazione della posizione si può trovare nel prossimo video.

 

Il Grand Maestro Oleg Maltsev ha ricercato e praticato lo stile della scherma napoletana tanti anni, abbiamo un numero di seminari, esperimenti scientifici, spedizioni di ricerca etc. Dopo la spedizione scientifica messicana, al Simposio Scientifico Internazionale Grand Maestro ha dimostrato lo stile restaurato della scherma Francesco Antonio Matteia Palermo.

 

Lo stile di Francesco Antonio Mattei e ulteriori risultati della ricerca nel campo della scherma saranno ulteriormente consacrati su questo sito. Ulteriori materiali possono essere trovati nella Scuola palermitana di scherma siciliana, per altre domande, si puoi contattare l’esperto.

 

Contattare con l’esperto